Caldaie condominiali: a Roma stretta sui controlli

Per gli impianti termici, il comune di Roma ha riaffidato dopo diversi anni il servizio di controllo. Ed ora rischiano amministratori di condominio e manutentori. 

Controllore roma capitale

Con decorrenza dal 1 novembre 2018, Roma Capitale ha sottoscritto l’affidamento del servizio di controllo alla “Società Organismo Ispezioni Impianti Termici”, che avrà il compito di andare a verificare gli impianti termici per individuare quelli che non sono a norma dal punto di vista ambientale e della sicurezza.

La società sta attivando un Servizio di censimento e controllo degli impianti termici, individuati secondo la definizione di impianti di climatizzazione invernale ed estiva.

Tale controllo viene effettuato per verificare che il rendimento sia superiore al minimo di legge, e dunque per garantire la chiusura degli impianti termici vecchi ed inquinanti. Inoltre, verranno controllate l’adeguamento alle prescrizioni di sicurezza, come l’ INAIL e il CPI dei Vigili del Fuoco. Tali adeguamenti sono necessari per assicurare che l’impianto sia sicuro sia da esplosioni derivanti da fughe di gas, sia da fuoriuscita di vapore ad altissima temperatura.

Lo studio atìa si occupa da diversi anni di riqualificazioni delle centrali termiche condominiali, assicurando di risolvere tutti gli adempimenti burocratici e tecnici per riportare la centrale “a norma di legge”

Per maggiori informazioni, puoi contattarci:

info@studioatia.it
06/ 456 661 31
+39 329/ 096 2633

 

Informativa dal sito di Roma Capitale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.